paraf-logo
top-slider-fami

Portare i lettori dentro la Storia. Intervista a Franco A. Grego

Quali sono state le fonti di ispirazione più significative per te?
Mi ha colpito un articolo apparso un anno fa su «la Repubblica» dello scrittore israeliano Aharon Appelfeld, sopravvissuto all’Olocausto. Nell’articolo Appelfeld parlava della testimonianza dei bambini rinchiusi nei campi, una testimonianza che gli adulti hanno spesso considerato una fantasia, qualcosa che riduceva la gravità dell’argomento. L’estate scorsa, vedendo i disegni dei bambini conservati al museo del campo di Theresienstadt, ho capito che cosa intendeva Appelfeld quanto parlava di «memoria riorganizzata»: i rastrellamenti, le violenze quotidiane, i vagoni piombati, la vita nel campo… ogni cosa, nei disegni di quei bambini, era colta attraverso uno sguardo che era senz’altro diverso, filtrato dalla fantasia, ma sapeva restituire tutta la sofferenza. Coloro che erano bambini al tempo dell’Olocausto sono oggi gli ultimi testimoni dello sterminio. Sì, e quando saranno scomparsi avremo una «memoria senza testimoni», dunque una memoria contestabile, che darà ai negazionisti, ai revisionisti, un’altra opportunità di negare, o di ridimensionare e relativizzare la tragedia dell’Olocausto. È a tale proposito che Annette Wieworka parla di «dovere della memoria». A questo, però, penso debba accompagnarsi quello che Georges Bensoussan chiama il «dovere di Storia», l’obbligo cioè di studiare, capire, di spiegare soprattutto ai ragazzi come sia stato possibile lo sterminio di sei milioni di ebrei. E di ricordare quanto scrisse Primo Levi ne I sommersi e i salvati: «È avvenuto, quindi può accadere di nuovo». A quasi trent’anni di distanza queste parole ci sconcertano, se pensiamo a quanto sta avvenendo oggi in Europa, dove si moltiplicano i movimenti di estrema destra populisti e xenofobi e si sta diffondendo un antisemitismo davvero preoccupante.

Quali difficoltà hai incontrato?

Ho scritto un testo e ho pensato a uno storyboard che fossero semplici, delicati ma al tempo stesso toccanti, che evitassero di calcare la mano sulla tragicità, sull’orrore. Ho immaginato due bambini che cercano in qualche modo di difendersi dalla paura e trovano rifugio nel loro vissuto familiare ed emotivo, nel linguaggio della fiaba, nei ricordi di un «prima» che non c’è più. Da qui il loro sguardo fantastico, a tratti magico, che trasfigura la realtà del campo. Poi lo straordinario e paziente lavoro di Giulia sulle illustrazioni ha contribuito moltissimo a mantenere questo registro. Come pure la colonna sonora di Giovanna e Leo, un contributo davvero prezioso.

Che pubblico immagini per questa app?

Raccontare l’Olocausto ai bambini spetta ai genitori e agli insegnanti. Questa app, non so se è il caso di ricordarlo, non è un gioco. La presenza di un adulto che spiega, integra, rassicura mi sembra più che altro un’assunzione di responsabilità. Per questo al racconto abbiamo affiancato dei contenuti extra: una cronologia dell’Olocausto, delle mappe, una breve bibliografia ordinata per temi e un elenco di film e documentari. Per contestualizzare, aiutare a capire.

Quali sono i vantaggi del digitale per raccontare una storia di questo genere?

Un libro interattivo in cui parole, illustrazioni, voci, musiche, animazioni si fondono insieme, porta davvero il lettore dentro la storia, offrendogli un’incredibile varietà di stimoli e di esperienze sotto il profilo emotivo e cognitivo. A patto però che tutto sia al servizio del racconto. Nel caso della nostra app, per esempio, le musiche non sono un semplice jingle che fa da sfondo al testo, ma sono parte integrante della narrazione, ne seguono il tono e il ritmo. Allo stesso modo, le interattività come le animazioni non sono fini a se stesse ma, crediamo, funzionali alla storia che volevamo raccontare. Non abbiamo cercato di stupire con effetti speciali, ma di aggiungere emozione.

Guarda il trailer ITA

tab1

Watch the app trailer ENG

tab2

Guarda il video del Making of

tab3

L’autore / The author

author

L’illustratore / The illustrator

face

I musicisti / The musicians

people

Il traduttore / The translator

translator

Paragrafoblu - Copyrights 2017